bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

Clamoroso successo dell’Orchestra Italiana del Cinema – La prima mondiale del cineconcerto “The Artist” al Ravello Festival

Nell’ambito del Ravello Festival 2012, all’interno del Parco del Belvedere di Villa Rufolo, il  28 luglio l’Orchestra Italiana del Cinema si è esibita dal vivo eseguendo in  prima mondiale la colonna sonora del film evento dell’anno, The Artist, vincitore di cinque Premi Oscar, tre Golden Globe, sette British Academy Film Awards e sei Cèsar: una perfetta e naturale fusione di musica ed immagini alla scoperta della carica espressiva del film muto.

L’Orchestra è stata diretta per l’occasione da Ernst van Tiel, musicista cresciuto alla scuola di Valery Gergiev e molto attivo in ambito sinfonico e operistico. Special guest della serata è stato il Premio Oscar Ludovic Bource, nella doppia veste di pianista e compositore della colonna sonora.

All’affascinante bellezza delle immagini si è aggiunta così l’emozione dell’ascolto dal vivo di un’orchestra in formazione di più di 60 elementi (fra archi, fiati, percussioni e big band) che hanno suonato dal vivo in sincrono con la proiezione in alta definizione della pellicola.

Esposto nel corso della serata l’Oscar vinto da Bource per la migliore colonna sonora. La statuetta più famosa al mondo è stata ammirata e fotografata dalle centinaia di spettatori che hanno popolato le tribune “del più bel Festival estivo al mondo”, così come lo ha definito il compositore francese a margine della serata.

A fine concerto, curioso fuori programma sulla terrazza del belvedere con il taglio di una torta, opera della cake designer napoletana Dalila Duello, che riproduceva l’Oscar in zucchero e marzapane. Bource, insieme con il direttore dell’Orchestra Italiana del Cinema, Ernst van Tiel, non si è sottratto al taglio del dolce avvenuto sotto gli occhi del presidente della Fondazione Ravello, Renato Brunetta e del produttore Aurelio De Laurentiis, peraltro consigliere di indirizzo dell’organismo che organizza e gestisce la programmazione del Festival.

http://www.ravellofestival.com/

Ufficio Stampa Orchestra Italiana del Cinema: Elisabetta CastiglioniLuciano Ferone

L’Orchestra Italiana del Cinema è la prima e unica compagine sinfonica italiana dedicata esclusivamente all’interpretazione ed esecuzione  del  repertorio della musica per film.

 
La rappresentazione e la promozione dello straordinario patrimonio artistico della colonna sonora italiana ed internazionale, attraverso coinvolgenti concerti multimediali, sono i valori fondanti di questo nuovo, ambizioso progetto.

 
La formazione dell’O.I.C.  arriva a comprendere più di 150 elementi tra coro e orchestra.

 
Marco Patrignani, fondatore e presidente dell’Orchestra Italiana del Cinema, ha dato vita al progetto all’interno della “culla” della colonna sonora, gli storici studi di registrazione Forum Music Village di  Roma, fondati alla fine degli anni Sessanta da Luis Bacalov, Ennio Morricone, Piero Piccioni e Armando Trovajoli.

 
Scopo dell’O.I.C, è anche quello di recuperare e restaurare le partiture dei capolavori del grande schermo grazie alla collaborazione con Enti, Associazioni, Fondazioni ed Archivi pubblici e privati, come è successo in occasione del concerto di  debutto nel  2010 in Piazza del Campidoglio a Roma sotto l’alto patronato della Presidenza della Repubblica Italiana e del MIBAC. Uno straordinario concerto multimediale dal titolo “ Il Suono del Neorealismo”, diretto dal M° Daniele Belardinelli (direttore musicale dell’OIC), in occasione del quale sono state eseguite le più celebri opere del cinema neorealista italiano a seguito di una scrupolosa opera di trascrizione che ha riportato alla luce straordinarie partiture quali Ladri di Biciclette, Miracolo a Milano, Riso Amaro, Sciuscià e Umberto D.

 
Nell’aprile del 2011, l’O.I.C. ha debuttato sulle scene internazionali, partecipando alla prima edizione del Beijing International Film Festival (Festival Internazionale del Film di Pechino), in Cina con il concerto “Cinematology”, omaggio alle più rappresentative colonne sonore della storia del cinema internazionale.

 
L’Orchestra si è esibita presso il National Centre for the Performing Arts e presso la Great Hall of the People (sede del Parlamento cinese), con la partecipazione straordinaria alla direzione del Premio Oscar Nicola Piovani e l’intervento della cantante israeliana Noa. Il concerto è stato trasmesso dalla CCTV (televisione di stato Cinese) con un’audience di oltre 100 milioni di telespettatori.
Tra i recenti impegni, la collaborazione con il direttore e musicologo americano Timothy Brock, che ha diretto l’O.I.C. in una serie di concerti dal vivo in sincrono con la pellicola del film “La febbre dell’oro” di Charlie Chaplin in collaborazione con la fondazione Chaplin di Parigi.

 
Ultimamente l’Orchestra si è esibita  alla residenza dell’ambasciatore britannico in Italia in occasione dei festeggiamenti per il Queen’s Diamond’s Jubilee e all’Auditorium Parco della Musica di Roma, con un omaggio alle musiche di Piero Piccioni nell’ambito del “Premio Alberto Sordi” organizzato dall’omonima fondazione onlus.

 
Orchestra Italiana del Cinema
Presidente: Marco Patrignani
Vicepresidente: Paolo Petrocelli
Direttore Musicale: Daniele Belardinelli
Segretario Artistico: Francesco Moretti

The Artist (2011)
Michel Hazanavicius, regia, soggetto e sceneggiatura:
Ludovic Bource, musica
Produttore: Thomas Langmann
Produttore associato: Emmanuel Montamat
Supervisore e produttore musicale, produttore del progetto “Cineconcerto”: Jérome Lateur
Produttori esecutivi: Daniel Delume, Antoine de Cazotte, Richard Middleton
Coproduttori: Jeremy Burdek, Adrian Politowski, Gilles Waterkeyn, Nadia Khamlichi
Case di produzione: La Petite Reine, La Classe Américaine, France 3 Cinéma, Studio 37, JD Prod, uFilm, Jouror Productions
Vincitore di cinque Oscar 2012: migliore Film, migliore Regia, migliore Attore protagonista (Jean Dujardin), migliore Colonna sonora (Ludovic Bource), migliori Costumi (Mark Bridges)

 
La trama
Hollywood, 1927. George Valentin è una star del cinema muto che si trova ad affrontare il proprio declino artistico a causa dell’avvento del sonoro. Al contrario, Peppy Miller, una giovane comparsa, sta per diventare una diva. La fama, l’orgoglio e i soldi metteranno a dura prova la loro storia d’amore.

agosto 3, 2012 - Posted by | cinema, festival, magazine | , , , ,

Al momento, non c'è nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: