bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

UN FESTIVAL UGUALE AGLI ALTRI. PERO’ DIVERSO – AL VIA LE ISCRIZIONI GRATUITE DELL’AS FILM FESTIVAL 2013

Sono aperte e gratuite le iscrizioni alla Prima Edizione dell’ASFF – AS FILM FESTIVAL 2013, primo festival del cortometraggio ideato ed organizzato da ragazzi con Sindrome di Asperger.

 

Il bando – visibile al link http://www.asfilmfestival.org/it/ scade il 15 maggio 2013.

Il festival si terrà a Roma  a metà giugno 2013.

 

Poco nota in Italia, la sindrome di Asperger, una forma di autismo ad alto funzionamento, è stata spesso rappresentata al cinema e in televisione: ne sono affetti il personaggio della hacker Lisbet Salander della serie Millenium di Stieg Larsson, il protagonista investigatore delle serie Monk, l’ultimo Sherlock Holmes televisivo interpretato da Benedict Cumberbatch. Personaggi Asperger sono presenti in altre serie, tra cui ParenthoodBoston Legal, The Big Bang Theory e Grey’s Anatomy.

 

Realizzato dal Cineclub Detour di Roma e dello Studio Kilab con la collaborazione del Gruppo Asperger Onlus e sostenuto dall’Agenzia Nazionale per i Giovani nell’ambito del programma comunitario Youth in Action, AS Film Festival non è un festival sull’autismo, ma un festival cinematografico vero e proprio fatto da persone con autismo. Come in qualunque altro festival – spiegano gli organizzatori – sono previste proiezioni, incontri, ospiti, una giuria, dei premi. Insomma, un festival uguale agli altri. Però diverso!. Il gruppo di lavoro, coordinato da Giuseppe Cacace, è composto da quattro giovani universitari, tutti under 25, con Sindrome di Asperger: Francesco Campolo, Giulio De Amicis, Marco Manservigi ed Elena Tomei.

 

AS Film Festival prevede due sezioni competitive ed una vetrina speciale: la sezione Punti di Vista, per cortometraggi di qualsiasi genere e argomento e la sezione Ragionevolmente Differenti, per lavori senza limiti di durata, genere e tecnica dedicata ai filmaker di ogni età con Sindrome di Asperger o con disturbi pervasivi dello sviluppo e, più in generale, ad opere che raccontino storie legate alla Condizione dello Spettro Autistico.  La vetrina speciale del festival sarà dedicata ai cinque anni della rassegna CINEMAUTISMO, curata da Marco Mastino e Ginevra Tomei per l’Associazione Museo Nazionale del Cinema di Torino.

 

Il regolamento per partecipare – a iscrizione gratuita – e il modulo di iscrizione da compilare sul sito del festival: www.asfilmfestival.org. Due copie in dvd (ammessi anche file video avi, xvid, divx, mkv e mp4) di ogni lavoro dovranno essere spedite entro e non oltre il 15 maggio 2013 – farà fede il timbro postale – all’indirizzo postale AS FILM FESTIVAL – Via Di Novella 10 – 00199 ROMA. Due le giurie, una per sezione, che elargiranno premi in denaro e/o in attrezzature audio-video.

 

Al link www.youtube.com/watch?v=TyA4b_bRFUE lo spot dell’AS FilmFestival realizzato dallo staff del festival.

 

Per informazioni:

www.asfilmfestival.org

info@asfilmfestival.org

Pagina Facebook: www.facebook.com/Asfilmfestival?fref=ts

COS’E’ LA SINDROME DI ASPERGER

La Sindrome di Asperger è un disturbo pervasivo dello sviluppo  ed è comunemente considerata una forma dello spettro autistico ad alto funzionamento. Gli individui portatori di questa sindrome sono caratterizzati dall’avere una persistente compromissione delle interazioni sociali, schemi di comportamento ripetitivi e stereotipati, attività e interessi molto ristretti. Diversamente dall’autismo classico, non presentano ritardi nello sviluppo del linguaggio o dello sviluppo cognitivo ma sono frequenti disturbi legati all’apprendimento non-verbale, alla fobia sociale e al disturbo schizoide di personalità.

 

Annunci

marzo 19, 2013 Posted by | festival | , , , , , , | Lascia un commento

Tribù in fuga: pressione sugli investitori del Gruppo San José‏

Gli azionisti del Gruppo San José, gigante spagnolo delle costruzioni, sono stati sollecitati a ritirarsi dalla compagnia dopo che alcune immagini satellitari hanno rivelato il coinvolgimento della sua consociata nella distruzione della terra abitata da Indiani incontattati.

Tra gli azionisti del Grupo San José ci sono le banche spagnole Ibercaja*, Caja de Burgos e Banco Castillo-La Mancha. La Carlos Casado, società controllata dal gruppo, possiede un vasto tratto della foresta del Chaco del Paraguay, una zona abitata da Indiani Ayoreo incontattati.

La società, il cui presidente è il magnate spagnolo (e fondatore del Gruppo San José) Jacinto Rey González, ha negato ogni attività illegale, ma le immagini satellitari dimostrano che i lavori nel cuore della terra ayoreo sono già cominciati.

Lo scorso anno, le autorità governative avevano colto in flagrante la Carlos Casado a spianare la foresta, e a costruire strade e serbatoi, senza le autorizzazioni ambientali necessarie.

Molti Ayoreo sono già stati contattati e da più di vent’anni rivendicano il diritto alla terra di proprietà di Carlos Casado SA. I loro parenti incontattati, che rimangono nella foresta, sono estremamente vulnerabili alle malattie portate dall’esterno; un contatto non voluto potrebbe risultare fatale. La distruzione della foresta, effettuata per fare spazio al bestiame, costringe gli Ayoreo incontattati a una fuga continua.

Un Ayoreo ha dichiarato a Survival: “Per favore, non toccate la foresta perché ci dà la vita. Per favore, fermate i bulldozer”.

Nel 2009, le pressioni esercitate da Survival International su alcuni investitori di Vedanta Resources avevano indotto alcuni di loro a cedere i propri pacchetti azionari, tra cui la Chiesa d’Inghilterra e il Rowntree Trust. Il gigante minerario aveva in progetto di aprire una miniera nella montagna sacra della tribù dei Dongria Kondh, in India.

“Per secoli le multinazionali hanno distrutto i popoli tribali nella quasi totale impunità, beffandosi delle leggi nazionali e internazionali per perseguire il profitto a qualsiasi prezzo umano” ha dichiarato oggi il Direttore generale di Survival International, Stephen Corry. “Ma il caso di Vedanta dimostra che gli azionisti non chiudono gli occhi quando scoprono che il loro denaro finanzia abusi dei diritti umani – Il Gruppo San José dovrebbe far tesoro di quanto successo e fermare immediatamente la distruzione degli Ayoreo incontattati.”

 

Immagini e Approfondimenti—>QUI

marzo 19, 2013 Posted by | fuori o dentro le righe? | , | Lascia un commento