bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

Triplice appuntamento di CINZIA LEONE nell’estate romana con DISORIENT EXPRESS (3-4-17 luglio 2015)‏

ImageProxySi intitola DISORIENT EXPRESS, l’ultimo lavoro di Cinzia Leone scritto a 4 mani con Fabio Mureddu e prodotto da Cristian Di Nardo in scena a Roma il 3 e 4 luglio a Le Terrazze (Palazzo dei Congressi, EUR) e il 17 luglio nell’ambito della rassegna All’ombra del Colosseo.

Uno spettacolo che racconta la confusione generata da una forma di democrazia virtual-virale alla quale eravamo impreparati: milioni di persone che improvvisamente, grazie alle infinite opportunità di espressione offerte dalla tecnologia e dalla virtualità, parlano, esprimono opinioni e aggiungono informazioni. Siamo disorientati da un vento di contraddizioni che ci spettina tutti i pensieri.. Questo è il perno del racconto plasmato dall’intelligente e diretta ironia di una predicatrice, previsionista e affabulatrice comica che si immedesima – tra battute, gag e copioni tratti dalla nostra vita quotidiana – nella mente confusa di ognuno di noi.

Continua a leggere

giugno 29, 2015 Posted by | teatro | , , | Lascia un commento

Brasile: sicari danno fuoco a una comunità guarani‏

survival internationalAlcuni sicari hanno attaccato e incendiato una comunità guarani nel Brasile sud occidentale.

Secondo i primi resoconti un bambino di un anno sarebbe morto per l’incendio appiccato dai sicari il 24 giugno, ma finora la notizia non è stata confermata.

I Guarani sono fuggiti dall’area, e hanno denunciato la scomparsa di due ragazze e un ragazzo.

Continua a leggere

giugno 29, 2015 Posted by | fuori o dentro le righe? | , | Lascia un commento

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “FERRARI CAVALCADE”

15-06-29Per andare a ritirare una raccomandata in giacenza si passa dalle parti del Mausoleo di Augusto. Il 25, giovedì, mentre eravamo diretti appunto alla Posta Centrale, siamo stati colpiti da una visione irreale. Almeno un centinaio di scintillanti, colorate, sgargianti Ferrari erano parcheggiate tutto intorno alla fossa (chiusa da anni da una cancellata, che neanche Guantanamo) ormai fangosa e maleodorante in cui è immerso come un Titanic colpito e affondato, ma ancora coronato di cipressi e oleandri, uno dei più insigni monumenti di Roma, la tomba di Augusto, il suo mausoleo, l’Augusteo insomma.

Non si può fare a meno di notare sbirciando attraverso i ferri della suddetta cancellata la palude da cui emergono i muraglioni romani, piena di canne, potenziale nascondiglio forse di coccodrilli e piranha, certo di ranocchi e libellule. E zanzare. Neanche terzo mondo, qui ci troviamo in un ambiente selvaggio da documentario del National Geographic.

Continua a leggere

giugno 29, 2015 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento