bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

I film di Venezia e Locarno sbarcano a Roma – Dal 15 al 22 settembre 2015

venezia_locarno_d0Con oltre 50 titoli in 16 sale, dal 15 al 22 settembre, si apre una settimana di grande cinema con la doppia rassegna “I film di Venezia e Locarno a Roma”. Un appuntamento molto atteso che apre al grande pubblico uno sguardo sulle produzioni di alto valore artistico e sulle nuove tendenze internazionali.

Una vera e propria rassegna itinerante che coinvolge tutti i quartieri della città: da Trastevere (Alcazar, Intrastevere, Nuovo Sacher) a Prati (Eden Film Center, Giulio Cesare, Adriano), da Pinciano e San Lorenzo (Fiamma, Barberini, Jolly, Mignon, Savoy, Tibur) a Testaccio (Greenwich), passando ovviamente per il cuore della città (Farnese Persol, Quattro Fontane, Nuovo Olimpia).


“Continua a crescere l’interesse intorno a questa iniziativa che ormai è diventata un appuntamento fisso per la vita culturale della città. Dopo Cannes ora è la volta di Venezia e Locarno: i film proiettati in questi grandi festival compiono un ulteriore viaggio per arrivare fino a Roma, che grazie anche alla collaborazione di tutti i soggetti coinvolti, si conferma sempre di più capitale del cinema” è quanto dichiara l’Assessore alla Cultura e allo Sport di Roma Capitale, Giovanna Marinelli.

Tutte le sezioni della Mostra del Cinema di Venezia sono rappresentate nel Festival: a partire dal vincitore del Leone d’Oro Desde allá (Da Lontano) opera prima del venezuelano Lorenzo Vigas, con Alfredo Castro e Luis Silva. Racconta il rapporto tra un grigio uomo di mezza età ed un “ragazzo di vita”.

Dal Concorso arrivano, tra gli altri, Amor vostro di Giuseppe M. Gaudino, ritratto in bianco e nero della vita interiore di una donna sullo sfondo di una Napoli sempre dignitosa nella sua sofferente bellezza, con una straordinaria interpretazione di Valeria Golino che per questo film si è aggiudicata la Coppa Volpi; Francofonia di Aleksandr Sokurov incentrato sul rapporto tra potere, arte e cultura sullo sfondo di un’Europa in conflitto;; e The danish girl di Tom Hooper, ambientato nella Copenhagen degli anni ’20 ispirato alle vite reali di Gerda Wegener e Lili Elbe, la prima persona transessuale della storia e L’attesa di Piero Messina con Juliette Binoche premiato con il Leoncino d’Oro Agiscuola per il Cinema, giunto alla sua XXVII edizione.

Dal Fuori Concorso, invece, spiccano Black mass, film molto atteso diretto da Scott Cooper, con Johnny Depp nel ruolo di un gangster irlandese; Janis, il docufilm della statunitense Amy Berg sulla cantante texana Janis Joplin, protagonista indiscussa del blues rock degli anni sessanta, ritratto intimo e a tratti struggente di un’artista straordinaria e dalla vita sofferta; Everest del regista islandese Baltasar Kormákur, pellicola di apertura del Festival con Jake Gyllenhall e Jason Clarke, nel film esperto alpinista neozelandese, che illustra il profondo rapporto tra l’uomo ed una natura estrema, e Spotlight di Thomas McCarthy, con Michael Keaton, film denuncia sulla pedofilia nella chiesa di Boston.

Dalla sezione Orizzonti arriva Pecore in erba, opera prima di Alberto Caviglia, parodia dissacrante dei pregiudizi antisemiti, A copy of my mind di Joko Anwar e War (Guerra) di Tobias Lindholm.

Particolarmente nutrita la selezione tratta da Le Giornate degli Autori – Venice Days (al cinema Farnese Persol dal 18 al 22): il vincitore del Venice Days Award Early winter di Michael Rowe e A peine j’ouvre les yeux di Leyla Bouzid che si è aggiudicato il premio Label Europa Cinemas; El desconocido, film spagnolo di apertura di Venice Days firmato da Dani de la Torre; Harry’s Bar di Carlotta Cerquetti, particolare documentario su un luogo cult della “dolce vita” romana; Ariannadi Carlo Lavagna, ritratto di una diciannovenne alle prese con la scoperta del proprio corpo e della propria diversità sessuale; Innocence of memories, il film di Grant Gee con lo scrittore Orhan Pamuk sul suo romanzo “Il museo dell’innocenza”; Viva la sposa di Ascanio Celestini con Alba Rohrwacher e Milano 2015, affresco collettivo sull’anima più vera della città. Le Giornate degli Autori non propongono solo film ma cercano di riprodurre le atmosfere lagunari con incontri, confronti, scambi di idee.

Confermato anche quest’anno l’appuntamento con i film della Settimana Internazionale della Critica (SIC) organizzata dal Sindacato Nazionale dei Critici Cinematografici (SNCCI): il pubblico potrà vedere, tra gli altri, Tanna di Bentley Dean e Martin Butler che ha ricevuto il premio del pubblico Pietro Barsiza come Miglior Film; Kalo pothi (La gallina nera) film nepalese di Min Bahadur Bham e Montanha, apprezzata pellicola portoghese di João Salaviza.

Venendo al 68° Festival del film di Locarno, diretto da Carlo Chatrian, apre la rassegna proprio il vincitore del Pardo d’oro Right now wrong then, del coreano Honh Sang-soo, a cui è stato attribuito anche il premio per la migliore interpretazione maschile per Jung Jae Young; e poi, Cosmos di Andrzey Zulawski, Premio come migliore regia, e ancora Suite Armoricaine di Pascale Breton, vincitore del Premio Fipresci; Chevalier di Athina Tsangari e poi spicca Ma Dar Behesht (Paradise) di Sina Ataeian Dena che si è aggiudicato i Premi Giuria Ecumenica e Swatch Art Peace Hotel World.

Da Piazza Grande, Un disastro di ragazza (Trainwreck) di Judd Apatow, mentre dal Fuori Concorso, il documentario di Alberto Fasulo, Genitori.

Non mancano incontri e presentazioni, con la partecipazione di critici cinematografici, registi ed attori, come l’evento speciale alla presenza di Lina Wertmüller, in occasione del film documentario sulla regista realizzato da Valerio Ruiz, Dietro gli occhiali bianchi, unico proiettato per Venezia Classici, che si tiene il 19 settembre al cinema Farnese Persol; e quello del 18 settembre alle 20, sempre al cinema di Piazza Campo de’ Fiori con il regista Carlo Lavagna per il suo Arianna.

Festival di particolare interesse per la vita culturale della città 2014-2016, l’evento è organizzato da Anec Lazio, con il contributo dell’Assessorato Cultura e Sport di Roma Capitale, della Direzione Generale per il Cinema del Mibact, in collaborazione con Fondazione Cinema per Roma e con il sostegno di Bnl Gruppo Bnp Paribas.

15-22 settembre 2015

I film di Venezia e Locarno a Roma

ingressi 7 euro, ridotto 6, Fidelity Card: ogni 5 ingressi 1 in omaggio

http://www.agisanec.lazio.it/

Annunci

settembre 14, 2015 - Posted by | cinema, cultura roma, festivals | , , , ,

Sorry, the comment form is closed at this time.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: