bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

Premio “Comunicare L’Europa” 2017

picmonkey-collageGli Accademici di tutto il mondo parleranno della Nuova Europa.

L’Arte e La Cultura devono animare la nuova Europa, questo il file rouge che ha animato con successo il Premio internazionale Comunicare L’Europa che si è svolto il giorno 9 febbraio alle ore 16:00 presso la Camera dei Deputati, Sala del Refettorio in Via del Seminario 76.

Il Premio Comunicare L’Europa 2017 come ogni anno ha celebrato con enfasi persone e personalità che hanno speso la propria vita e la propria professionalità verso un percorso internazionale, europeo con grandi note di innovazione e di cultura. Nell’edizione 2017 sono state accentuate le varie anime culturali della manifestazione, sono state celebrate le ricorrenze e le date storiche come la firma del Trattato di Maastrich e i 60 anni dalla firma dei Trattati di Roma.

Ma anche la Presidenza del Parlamento Europeo, che da qualche giorno parla la lingua Italiana (Antonio Tajani) e la notizia del momento che è stata quella che la Giornata Mondiale degli Accademici verrà organizzata e celebrata a Roma nel prossimo maggio dallo IEFO e dall’AUGE.

Continua a leggere

Annunci

febbraio 13, 2017 Posted by | cultura roma | , , | Lascia un commento

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “MISERIA E NOBILTA’”

picmonkey-collageE’ inevitabile: vicino al nobile e assoluto rigore del Palazzo della Civiltà del Lavoro qualunque altra idea non può che risultare scrausa. Hai voglia a inventarti un albero sradicato, ripiantato davanti a quella facciata e ramificante in tubi di ferro. Sempre un trucchetto risulta. Senza peso. O troppo pesante.

Però salviamo Giuseppe Penone, perché non merita il biasimo. Lui è il coraggioso autore dell’albero che ha osato il confronto (malriuscito), forse su suggerimento del padrone di casa, la fondazione Fendi, che da un po’ di tempo, dopo aver restaurato il magnifico palazzo di Guerrini, Lapadula e Morbiducci (a proposito, si dice che gli archi siano 6 in verticale, come le lettere di Benito, e 9 in orizzontale, come quelle di Mussolini – sarà vero?) lo apre gratis per belle mostre curiose.

Invece, grandiosa è la sua canoa scavata in un enorme tronco di abete che riempie il salone alla fine della mostra. Sempre seguendo la sua icona fissa, anzi forse si potrebbe dire la sua fissazione iconica, Penone lavora sugli alberi, con gli alberi; li scava seguendo le linee di accrescimento, li fonde in bronzo, li carica di marmi antichi.

Continua a leggere

febbraio 13, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento