bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

Voci per la Libertà: partono i Premi Amnesty International Italia per le migliori canzoni sui diritti umani

 

AL VIA IL BANDO DI CONCORSO PER GLI EMERGENTI E LE SELEZIONI DEI BRANI DEI BIG DELLA MUSICA ITALIANA

Al via i lavori per la 23a edizione del festival “Voci per la Libertà – Una canzone per Amnesty” con le prime fasi del Premio Amnesty International Italia nelle sezioni emergenti e big. Il festival, che coniuga musica e diritti umani, è in programma dal 17 al 19 luglio a Rosolina Mare (Rovigo) ed è nato nel 1998 in occasione del 50° Anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani.

Continua a leggere

gennaio 22, 2020 Posted by | festival, musica | , | Commenti disabilitati su Voci per la Libertà: partono i Premi Amnesty International Italia per le migliori canzoni sui diritti umani

Museo del Sax: METROMUSETTE in “La chanson française come non te l’aspetti” (25 gennaio)

Sabato 25 gennaio 2020 il Museo del Saxofono ospiterà il secondo grande evento musicale del 2020 con un concerto dedicato alla chanson française.

Ispirati dall’amore per la lingua e per la musica francese degli anni ’30, ’40 e ’50 i Metromusette, formazione composta da Monica Gilardi (voce), Francesco Di Gilio (piano e fisarmonica), Filippo Delogu (chitarra), Fabrizio Montemarano (contrabbasso) e Alfredo Romeo (batteria), proporranno un racconto musicale raffinato e brioso per rievocare le magiche notti della Ville Lumiére. Basterà chiudere gli occhi per immaginarsi a passeggio sulle rive della Senna, avvolti da un’atmosfera trés retrò condita di brani familiari ma originali, europei ed esotici, spiritosi ed emozionanti ad un tempo in un programma che brevede motivi popolari, swing, valse musette, jazz francese, brani sud americani incisi in lingua francese e molto altro ancora…

Continua a leggere

gennaio 22, 2020 Posted by | eventi | , | Commenti disabilitati su Museo del Sax: METROMUSETTE in “La chanson française come non te l’aspetti” (25 gennaio)

Gli Under The Snow ed il loro EP, “Love, Hate, Obsession”

Randall Ghisi, batterista, e Randy De La Cruz, pianista, sono due ragazzi di Milano legati da una profonda amicizia e accomunati da un trasporto incommensurabile per la musica. Un giorno, decisero di suonare insieme in una sala prove, e proprio al termine del fatidico incontro, trovarono un nome per la formazione a cui avrebbero voluto dare vita: “Under The Snow”, sotto la neve, che quel giorno cadeva copiosamente.

Bello pensare come non esista un solo fiocco di neve uguale ad un altro. Wilson Bentley amava fotografarli e li chiamava “Snow blossoms” (fiori di neve) o “Miracles of little beauty” (miracoli di piccola bellezza). Miracoli pronti a sbocciare, per realizzare una sintesi tra le due definizioni, e destinati a farlo nel 2014, quando, a questa band in stato embrionale, si unirono Ale The Joe, vocalist, Edward Bowen, bassista, e Davide Calloni, chitarrista.

Continua a leggere

gennaio 22, 2020 Posted by | musica | , | Commenti disabilitati su Gli Under The Snow ed il loro EP, “Love, Hate, Obsession”

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: LE BELLE SEDERONE AL MUSEO E ALTRE CURIOSITA’

Non ci si può distrarre un momento che prima la Galleria Nazionale di Arte Antica di Palazzo Barberini (Pierre Subleyras – Nudo di schiena), poi la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Valle Giulia (un quadro enorme di cui non ricordiamo né il titolo né l’autore) ne approfittano per prendersi una vacanza dal solito schema del nudo mitologico o storico, comunque a-sexy, per sbatterci sotto gli occhi queste prosperose signore e signorine sole o in mucchio.

Niente di male, anzi vorremmo approfittare di questa generosa offerta per andare avanti.

Bene. Lasciamoci dietro queste bellezze, percorriamo tutta Piazza Navona, entriamo in un portone invaso sorprendentemente dai tavolini di un caffè e ci troviamo a Palazzo Braschi, il Museo di Roma.

Da evitare con la massima cura la superaffollata mostra di Canova, della quale, avendola già vista, possiamo solo dire: “Troppo gesso e troppo poco marmo”, nel senso che si tratta quasi interamente dei bozzetti in gesso delle opere del maestro, con vicine poche realizzazioni finali in marmo.

Continua a leggere

gennaio 22, 2020 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Commenti disabilitati su Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: LE BELLE SEDERONE AL MUSEO E ALTRE CURIOSITA’