bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

2021 Anno dell’Economia Creativa per la Sostenibilità. Dall’imprenditrice green Veronica De Angelis proposte per la riqualificazione urbana

Guardando all’Agenda2030, l’appello alle imprese e l’engagement dei giovani imprenditori italiani per la riqualificazione urbana

Con il 2021 si apre il decennio decisivo del cambiamento climatico. La conferenza delle Nazioni Unite nota come COP26, prevista a Glasgow a novembre 2021, segnerà un passaggio fondamentale. Non solo: il 2021 è anche stato dichiarato l’Anno Internazionale dell’Economia Creativa per lo Sviluppo Sostenibile (in inglese, International Year of Creative Economy for Sustainable Development) dalla 74a Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Emissioni, Ambiente, Oceani, Riscaldamento globale ma anche Creatività, Innovazione e Sostenibilità: se le pedine sulla scacchiera sono tante, non sono solo le istituzioni a muoversi e programmare.

Già da qualche anno c’è, tra gli imprenditori italiani, chi agisce in prima persona prendendo in carico come obiettivo personale d’azienda la responsabilità sociale d’impresa in chiave creativa. Tra questi, Veronica De Angelis, imprenditrice green e fondatrice della no-profit Yourban2030, già ospite del TED di Vicenza, ha deciso per il 2021 di sensibilizzare i singoli imprenditori per perseguire gli SDGS (Sustainable Development Goals) fissati dalle Nazioni Unite attraverso l’arte e la riqualificazione urbana, partendo dalle periferie.

Perché dalla riqualificazione urbana, dall’arte e dalla creatività parte il benessere collettivo.

Continua a leggere

marzo 9, 2021 Posted by | economia, salute | , , | Commenti disabilitati su 2021 Anno dell’Economia Creativa per la Sostenibilità. Dall’imprenditrice green Veronica De Angelis proposte per la riqualificazione urbana

DERMART: il convegno-evento che unisce la Dermatologia e l’Arte (25-26 settembre)

demart 2015Roma – Ex cartiera Latina – Parco Regionale dell’Appia Antica

Colori, linee e forme delle malattie cutanee rendono la pelle una tela pittorica in continuo rimaneggiamento. Nuovi colori si stratificano, elementi di forma si modificano nel tempo, a causa dell’ambiente, delle malattie e dell’invecchiamento naturale. Il compito dei dermatologi è di saper interpretare i dettagli dei cambiamenti della pelle come i critici d’arte fanno sulle tele, di saper curare i cambiamenti patologici e di aiutare a prevenire quelli legati al tempo e alle cattive abitudini. Per questo motivo e con questo obiettivo nasce Dermart, un convegno che unisce la Dermatologia con l’Arte per sviscerarne i comuni linguaggi.

Continua a leggere

settembre 12, 2015 Posted by | eventi, salute | , , , , , , | Lascia un commento