bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

Amazzonia: gli incendi ora minacciano anche le tribù incontattate

La sopravvivenza delle tribù incontattate in Amazzonia è ora a rischio poiché le fiamme stanno consumando alcuni dei loro ultimi rifugi nella foresta.

Nell’Amazzonia orientale, sono stati segnalati incendi nell’area dove vivono i gruppi ancora incontattati della tribù degli Awá, negli ultimi lembi di foresta pluviale rimasti nella regione.

La popolazione locale riferisce che i taglialegna che hanno appiccato i focolai sono armati pesantemente e impediscono ai pompieri di accedere all’area.

Uno straordinario video di due membri incontattati della tribù è stato diffuso il mese scorso. Non si sa se gli uomini nel video siano ancora vivi perché la loro foresta è in fiamme.

Dall’altra parte del Brasile, brucia anche la foresta ancestrale della tribù degli Uru Eu Wau Wau, alcuni dei quali sono ancora incontattati.

Gli Uru Eu Wau Wau sono noti come il “popolo dell’Aquila Arpia”, perchè usano le enormi piume dell’uccello per le frecce da caccia e i copricapo. Chiamano i loro vicini incontattati “Jururei”, che significa “coraggiosi”. La loro riserva è stata a lungo presa di mira da allevatori e coloni.

Continua a leggere

agosto 28, 2019 Posted by | fuori o dentro le righe? | , | Commenti disabilitati su Amazzonia: gli incendi ora minacciano anche le tribù incontattate

Amazzonia: svelato piano genocida per aprire il territorio dei Kawahiva incontattati

Survival International ha appreso che i politici di una città notoriamente violenta, nel Brasile centrale, stanno facendo pressione dietro le quinte per aprire il territorio di una tribù incontattata estremamente vulnerabile.

I consiglieri di Colniza – che è stata per anni la città più violenta del paese ed è dominata dal taglio del legno illegale e dagli allevatori – hanno incontrato il Ministro della Giustizia per esercitare pressione e ottenere una drastica riduzione delle dimensioni del territorio indigeno del Rio Pardo. Si dice che il Ministro sia favorevole alle proposte dei consiglieri.

Il piano prevede l’arrivo di costruttori di strade, allevatori e coltivatori di soia – nonostante il territorio sia la casa degli ultimi Kawahivauno dei popoli più vulnerabili del pianeta.

I Kawahiva dipendono interamente dalla foresta per la loro sopravvivenza, e da anni vivono in fuga dai taglialegna e da altri invasori.

Continua a leggere

aprile 12, 2017 Posted by | fuori o dentro le righe? | , | Lascia un commento