bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

Italia e Brasile insieme contro il turismo sessuale a danno dei minori

L’estate è in pista già da un po’ e quando fa caldo i temi scottanti che siamo costretti ad affrontare sono davvero molti.

Tra questi ce n’è soprattutto uno che merita più attenzione di altri, in quanto delicato e atroce al tempo stesso tanto da spingere diverse associazioni a dare il là ad alcune iniziative  che dureranno fino al 2014 e  coinvolgeranno Italia, Brasile, Germania, Portogallo, Inghilterra, Francia e Spagna.

Il via ufficiale a queste iniziative è stato dato l’8 luglio con le passeggiate dei cicloturisti italiani e brasiliani. Il 2012 è infatti l’anno di Italia e Brasile. Nel 2013 e 2014 si aggiungeranno gli altri Paesi. Obiettivo: sensibilizzare sullo sfruttamento sessuale dei bambini da parte di stranieri, in vista deimondiali 2014, che si terranno in Brasile.

Quella dell’8 luglio è stata  “una lunga pedalata” volta anche a raccogliere fondi per varie organizzazioni locali anche perchè il paese  carioca è una delle mete più ambite per i turisti del sesso con bambini e adolescenti. Forte è il problema della prostituzione minorile maschile, di cui molti transessuali. Uno studio, recente realizzato proprio a Fortaleza, ha messo in luce una forte correlazione tra transessualità e sfruttamento sessuale di minori.

Spesso il messaggio a favore dei pedofili viaggia grazie a siti compiacenti che sembrano portare in evidenza delle semplici guide per trovare l’amore o il sesso a pagamento.

Va a questo punto messo in evidenza il lavoro che  ECPAT Italia sta portando avanti per  rilanciare un concetto tanto importante quanto fondamentale:

I bambini non sono un’attrazione turistica“.  La frase è stata pronunciata per la prima volta nel 2009 da Arnoldo Foà in un spot radiofonico.

Crediamo fermamente che  questa frase dica già tutto.

Attualmente alle iniziative di Ecpat hanno aderito le seguenti citttà: Palermo, Ragusa, Catania, Agrigento, Bari, Pescara, Roma, Bologna, Genova, Lodi, Cremona, Vicenza, Mirano (Ve), Mestre, Torino, Lecce, Melegnano (Mi), Varese, Reggio Emilia, Napoli, Lecce. In Brasile hanno aderito: Brasilia, San Paolo, Fortaleza,  Porto Alegre e  Capitale del Brasile, Marcolandia, Niteroi, Florianopolis.

La speranza è che col tempo, fino al 2014 che di Città se ne possano aggiungere  sempre di nuovo.

di Giovanni Pirri

luglio 29, 2012 Posted by | I primi passi | , , , , , | Lascia un commento