bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

“Dal Jazz alla Canzone d’Autore” con Federica Baioni al @TeatroArciliuto di Roma il 14 aprile

Federica-Baioni-24042016_2Un’ora e mezza di musica sognante, romantica, intensa, appassionata, ma anche ironica e scanzonata frutto della migliore scena cantautorale capitolina. Questo è ciò che porterà in scena la cantautrice romana Federica Baioni il prossimo 14 Aprile presso il Teatro Arciliuto di Roma.

Un live set a cavallo tra jazz, folk e teatro canzone con un repertorio che spazia dal cantautorato originale ai tributi agli standard jazz d’oltreoceano e alla canzone popolare italiana rivisitata in formazione jazz 4tet.

Un live acustico, d’atmosfera dove la parola, la voce, e il suono si fondono in un unicum di rara suggestione e bellezza.

Sul palco una solida band che in passato ha collaborato spesso con la Cantante:

Continua a leggere

Annunci

aprile 4, 2016 Posted by | eventi, musica | , , , , , , | Lascia un commento

“Bene, Brava …” Annapaola Ricci canta “MINA!” il 13 aprile al @TeatroArciliuto di Roma

bene-brava-mina-13042016“Bene, Brava… MINA!” Mercoledì 13 aprile, Annapaola Ricci, Paolo Rainaldi e Antonello Mango, dopo i successi con il tutto esaurito in altri teatri, approdano al Teatro Arciliuto in Roma con le canzoni di Mina ed il consolidato repertorio della cantante lombarda… e una sorpresa finale…

Protagonista della serata sarà dunque Mina! Ma questa centralità, rimodellata dalla voce di Annapaola, riarricchita dall’accompagnamento musicale di Paolo e Antonello, diventerà mobile e plurale: con l’inserimento di brani “nuovi”, e con l’anteprima di nuovi interessi e commistioni. Il tutto con l’aggiunta di alcuni spezzoni video proiettati sul grande schermo.

Bene, Brava… MINA!, con Annapaola Ricci, voce; Paolo Rainaldi, chitarra; Antonello Mango, contrabbasso.

Continua a leggere

aprile 4, 2016 Posted by | eventi, musica | , , , , , , , , | Lascia un commento

Orlando Andreucci: “La vita la morte l’amore la sorte” a Cantieri Rubattino – Roma, 4 giugno 2015

4 giugno ANDREUCCI (Pagina 01)-page-001Musica, parole e tutta la freschezza della passione, in questo nuovo “nudo d’autore”.

Il 4 giugno a Cantieri Rubattino (Via Rubattino, 1 – Roma),  Orlando Andreucci live e presentazione del suo nuovo disco “la vita la morte l’amore la sorte” in compagnia di Primiano Di Biase e Simone “Federicuccio” Talone.

Un concerto che viene da lontano, come dice Andreucci, per riappropriarsi di quel futuro che sembra sempre più distante dal presente, ma la musica diviene presenza costante ed invita alla vita, malgrado tutto…

Possiamo e dobbiamo, prosegue Orlando, non dimenticare ma andare avanti, sempre. Siamo nati, e siamo ancora vivi e se abbiamo qualcosa da dare siamo pronti a dirlo.

Continua a leggere

maggio 23, 2015 Posted by | comunicati stampa, eventi | , , , , , , , | Lascia un commento

GOODBYE SUMMER FESTIVAL: Il 26 e 27 settembre due giorni di grande musica italiana per la festa di chiusura dell’estate romana

googbye summer festival100 artisti e 18 band per oltre 20 ore di programmazione musicale dal vivo! Questi sono i numeri della magnifica maratona musicale che avrà luogo il 26 e 27 settembre all’interno del Parco dell’ex aeroporto di Centocelle, nell’ambito della storica manifestazione ROMA VINTAGE VILLAGE.

Gli 80.000 metri quadri del terreno adibito alla manifestazione ospiteranno infatti – nell’area adibita ai concerti e su uno spettacolare palco – il GOODBYE SUMMER FESTIVAL , una staffetta a colpi di musica che avrà inizio in entrambi i giorni alle 16,30 per terminare alle 24.

Continua a leggere

agosto 25, 2014 Posted by | concerti | , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Robe da magico duo con Gatto e Bex aspettando Daniel Mille Quintet

FONTE: Allinfo.it

L’obiettivo della serata era regalare momenti da prime assolute. Dobbiamo ammettere che il Festival “Una striscia di terra feconda” che si sta svolgendo da tre giorni presso la Sala Teatro Studio dell’Auditorium Parco della Musica e proseguirà fino al 5 giugno sta facendo parlare di sé sotto tanti punti di vista, primo fra tutti quello della autenticità, dato per scontato che  le promesse fatte dalla direzione artistica del Festival  possano dirsi pienamente mantenute.

Domenica 3 giugno 2012 abbiamo visto “robe da magico duo” con ROBERTO GATTO e EMMANUEL BEX (ensamble inedito) che, con forza prorompente, ha  illuminato i volti dei presenti  accompagnando il pubblico all’interno di un trip jazzistico che fa onore ai migliori festival internazionali.  Quarantasei  minuti di puro amore per la musica, ahimè, più volte interrotto  dalla maleducazione di alcuni soggetti seduti nelle ultime file che hanno costretto più di una persona ad alzarsi per riuscire a non perdere nemmeno un attimo di magia.  La cosa che ci fa sentire “offesi” è dovuta al fatto che i disturbatori fossero dei maestri di musica acclamati…

Il 3 giugno “Una striscia di terra feconda” XV Edizione, oltre la performance di Gatto e Bex, ci  ha regalato la prima italiana del  DANIEL MILLE QUINTETDaniel Mille (fisarmonica), 
Alfio Origlio (pianoforte), Julien Alour (flicorno), Jerome Regard (contrabbasso), Andy Barron (batteria).  Anche se in Francia, la grande notorietà di Daniel Mille è più legata al mondo della canzone che non a quello del jazz – il brillante fisarmonicista ha accompagnato Barbara, Claude Nougaro, I Muvrini, Jacques Higelin. La collaborazione regolare con Jean-Louis Trintignant su testi di Aragon, Apollinaire, Vian o Prévert – con il suo gruppo  habitué della scena jazz  ha affiancato grandi nomi del calibro di Helen Merrill, Stephane Belmondo, Mino Cinelu, Richard Bona, Sylvain Lucè e ieri sera è riuscito nell’intento di regalare momenti di pura  vertigini ben accolti ed acclamati dal pubblico presente in sala.  A loro favore il talento di saper condurre l’intuizione musicale  verso la melodia capace di  sedurre nel profondo.

Oggi, 4 giugno 2012, alla Sala Teatro Studio sarà la volta dell’ensemble JOURNAL INTIME che si divertirà a giocare (to play) la musica di Jimi Hendrix (Prima italiana)
 – Sylvain Bardiau (tromba), 
Frédéric Gastard (sax),
 Mathias Mahler (trombone)
. E’ un trio di strumenti a fiato, creato da tre virtuosi pluridiplomati (tra cui il CNSM di Parigi), è anche una big band di jazz e una banda in formato ridotto che inventa una musica estremamente seducente, dissimulando la sua grande raffinatezza dietro il rapporto fisico e gioiosamente ludico con l’improvvisazione. Il trio Journal Intime, compagno di percorso di Jacques Higelin, André Minvieille, Eric Lareine, Denis Charolles, si burla delle etichette stilistiche. Una musica esaltante, diabolicamente elettrizzante, soprattutto in questo nuovo programma che omaggia il geniale chitarrista Jimi Hendrix con alcune cover (Angel, All Along The Watchtower, If 6 was 9).

Seguirà il LOUIS SCLAVIS “ATLAS” TRIO  ovvero sempre una prima italiana che coinciderà con la  presentazione del nuovo progetto discografico SOURCES – ECM). Il LOUIS SCLAVIS “ATLAS” TRIO   è formato  da
 Louis Sclavis (sax soprano, clarinetti) 
Gilles Coronado (chitarra) Benjamin Moussay (pianoforte,  tastiera).  Louis Sclavis, il ritorno. Assente dal festival da qualche anno, cominciava a mancarci: questo musicista è infatti parte integrante della storia di una Striscia di terra feconda e ognuna delle sue partecipazioni resta un evento e un grande piacere condiviso da tutti. Clarinettista d’eccezione, leader carismatico e compositore prolifico, simbolo di un jazz europeo emancipatosi dal modello americano, Sclavis ha una linea di condotta chiara: seguire delle svolte senza mai uscire dal solco tracciato da trent’anni a questa parte. Ciò vale in particolare per questo nuovo progetto, in cui invita due dei quarantenni più in vista del jazz francese (Gilles Coronado, chitarrista creativo, e Benjamin Moussay, pianista e arrangiatore raffinato) a scuotere alcune delle sue certezze per confrontarsi con la grande contaminazione idiomatica delle musiche attuali.

Come di consueto l’appuntamento è a partire dalle ore 21

di Giovanni Pirri

 

giugno 4, 2012 Posted by | festival | , , , , , , , | Lascia un commento

Chiara Caselli con Rita Marcotulli e il Paris-Rome Workshop Ensemble stregano il pubblico del Teatro Studio

FONTE: Allinfo.it

Una serata dedicata a Tonino Guerra, alle sue parole, che sgorgano da sé, una fontana che conserva la freschezza e il fervore innocente della profondità. Così scrive Chiara Caselli, a proposito del progetto che ieri sera ha rappresentato al Teatro Studio dell’Auditorium Parco della Musica. Con la cadenza leggera e dolce della sua voce ha accompagnato  Rita Marcotulli, grande artista solista Jazz, scelta da Paolo Damani per dare valore alla  XV Edizione del  Festival “Una striscia di terra fertile“.

Un festival importante e ben considerato a livello internazionale tanto da essere letto come  il punto di partenza di creazioni musicali comuni. Attento ai giovani talenti, “Una striscia di terra feconda” da sempre fa della promozione di produzioni originali e prime assolute il proprio credo.

E, dopo il grande successo della prima serata, anche  quella del  2 giugno è stata l’occasione giusta da prima assoluta. A portarla in scena il progetto PARIS-ROME WORKSHOP ENSEMBLE  formato dagli Allievi dei Dipartimenti jazz e musiche improvvisate del CNSMDP e del Conservatorio di Santa Cecilia.  Jonathan Bouteiller al sax tenore,  
Olivier Miconi alla tromba,  
Philippe Maniez alla  batteria,  
Luigi Tresca al sax alto e soprano, 
Gaia Possenti al pianoforte, 
Claudio Leone alla chitarra
 e Stefano Battagliaal basso hanno tenuto banco per più di un’ora, strappando in più di una occasione, applausi a scena aperta. 

Vasto il repertorio sul quale l’ensemble si è cimentato (segue video).

Roma 02 giugno 2012 – Giovanni Pirri

giugno 4, 2012 Posted by | festival | , , , , , , , | Lascia un commento

Si è aperto il Festival “Una striscia di terra fertile”. Dure le polemiche di Damiani mosse durante la serata a Alemanno e Gasperini

FONTE: Allinfo.it

Ieri sera, 1 giugno 2012, è stato il brano “Autour de la tour“, eseguito dal Riccardo del Fra Ensemble a rompere il ghiaccio all’Auditorium Parco della Musica che dal 1 al 5 giugno ospita la quindicesima edizione del  festival “Una striscia di terra feconda“, il festival franco-italiano dedicato al jazz e alle musiche improvvisate che mette insieme nomi di musicisti ormai affermati e alcune delle più innovative realtà del panorama musicale dei due paesi. Festival delle terre fertili.

Ad accompagnare RICCARDO DEL FRA al contrabbasso  l’ospite d’eccezione ossia ALESSANDRO PATARNESI alla batteria, GAIA POSSENTI al pianoforte, LUIGI TRESCA al sax alto e soprano, JONATHAN  BOUTEILLER  al sax tenore, OLIVIER MICONI alla tromba con i quali ha continuato e portato egregiamente a termine la prima parte della serata dedicata al jazz d’autore. Tra i brani eseguiti degne di nota  una rivisitata  “Let’s call this” di Monk e una splendida chitarrata eseguita a due da Riccarco del Fra e Alessandro Paternesi. La magia della seconda parte del Festival è stata invece merito del duo per piano eseguito da DANILO REA e BAPTISTE TROTIGNON.

La prima giornata del Festival che si può dire  pienamente riuscita anche in termini di attenzione da parte del pubblico, lascia così un segno tangibile, positivo merito anche delle parole di Paolo Damiani – compositore e musicista, direttore dell’Orchestre National de Jazz (ONJ) all’inizio degli anni Duemila, direttore artistico del festival “Rumori Mediterranei” di Roccella Jonica – che ha ringraziato pubblicamente la SIAE nella persona di Sabina Riccardelli per aver dato un segnale di presenza tangibile importante La SIAE, con grande sorpresa di tutti  e per la prima volta in tanti anni, ha  contribuito economicamente alla realizzazione di questo festival nato nel 1998 grazie  all’antica amicizia di Damiani con Armand Meignan, presidente dell’AFIJMA (Association des Festivals Innovantes en Jazz et Musiques Actuelles) e direttore dei festival di Le Mans e Nantes.

Damiani ci ha poi tenuto a ringraziare l’Auditorium Parco della Musica,  il MIBAC, Il Ministero dei Beni Culturali e  l’Ambasciata Francese  e la Sacem -la SIAE francese- che da sempre finanzia l'”Azione Culturale” spendendo ogni anno milioni di Euro per le iniziative culturali degne di nota.

Non sono mancate le polemiche mosse da Damiani al Comune di Roma che ha criticato duramente, quasi grillianamente. Ad accendere i toni è stata la critica aperta che Damiani ha mosso al bando  ordito da Alemanno e Gasperini: il bando dell’estate romana che non darà un euro alle manifestazioni di giugno in quanto si è chiuso il 25 maggio (seguirà video)

“Una roba da denuncia avverso Alemanno e Gasperini” ha tuonato, senza peli sulla lingua, Paolo  Damiani che oggi, 2 giugno 2012, ospiterà presso la Sala Teatro Studio dell’Auditorium Parco della Musica, due artisti donna incredibili, ovvero CHIARA CASELLI (voce recitante),  
RITA MARCOTULLI (pianoforte) anticipate dalla performance del PARIS-ROME WORKSHOP ENSEMBLE ossia dagli allievi dei Dipartimenti jazz e musiche improvvisate del CNSMDP e del Conservatorio di Santa Cecilia – Jonathan Bouteiller (sax tenore), 
Olivier Miconi (tromba),  
Philippe Maniez (batteria), 
Luigi Tresca (sax alto e soprano), 
Gaia Possenti (pianoforte),  
Claudio Leone (chitarra
), Stefano Battaglia (basso).

 

giugno 2, 2012 Posted by | festival | , , , , , , | Lascia un commento

Intervista a Orlando Andreucci

maggio 29, 2012 Posted by | I primi passi | , , , , , | Lascia un commento