bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

Cristina Bove. Mi hanno detto di Ofelia.

Cristina Bove. Mi hanno detto di Ofelia..

aprile 3, 2013 Posted by | libri | , , | Lascia un commento

Roma, 17 febbraio 2013 all’Associazione “Villaggio Cultura”- ore 17, invito alla lettura: Cristina Bove‏

Invito alla lettura

17 febbraio 2013 ore 17

Associazione culturale “Villaggio Cultura – Pentatonic”*

Viale Oscar Sinigaglia 18 – 20, Roma

Cristina Bove,  Mi hanno detto di Ofelia, Smasher 2012

Introduzione di Simonetta Bumbi e Anna Maria Curci

Musiche di Orlando Andreucci

«Incontrare Cristina Bove attraverso il profumo della carta stampata, è un rinnovare il piacere che si prova mentre la si legge nel virtuale, ché riesce a trasmetterti tutti i suoi voli terreni con ali d’anima, e sia che si pianga, si sorrida o si attraversi solo un sogno o un incubo, c’è sempre il desiderio della bellezza che esplode come un’impollinazione». (Simonetta Bumbi)

«L’eleganza che unisce talento innato a sapiente e originale rielaborazione è tratto caratteristico di tutti i componimenti». (Anna Maria Curci)

 

 

CRISTINA BOVE  si racconta: Sono nata a Napoli il 16 settembre 1942, vivo a Roma dal ‘63. Ho cominciato da piccolissima a disegnare, a nutrire la passione per la lettura. In seguito mi sono dedicata alla scultura e alla scrittura. Negli ultimi tempi mi esprimo soprattutto in poesia. Mi sento testimone del mio tempo e della mia esistenza. Credo nella libertà e nella giustizia, penso che il rispetto della diversità sia un valore fondante tra gli esseri umani e ne sia inestimabile ricchezza. Sono alla costante ricerca di un significato in questo infinito mistero in cui mi sento immersa, ma non mi faccio più domande inutili. Amo la vita, i miei cari, e tutti gli esseri umani dal cuore buono e dalla mente aperta. Considero la poesia un linguaggio universale, l’esperanto dell’anima.

 

 

 

*ingresso con tessera ARCI; è possibile tesserarsi in sede         

 

 

                                                          

febbraio 7, 2013 Posted by | libri | , , , , , , | Lascia un commento

Letturando “Mi hanno detto di Ofelia” di Cristina Bove

 

 cristina bove – mi hanno detto di ofelia – edizioni smasher

≈≈≈

c’è una parola, nella prefazione, che m’ha colpita subito, ma ho continuato a leggere senza darle troppa attenzione. poi.

poi, man mano che i versi mi disegnavano storie e raccontavano i vari passaggi della pelle su cui la poetessa si sostava, quella parola s’è fatta sempre più prepotente.

eleganza.

dalla prefazione di anna maria curci: “…e l’eleganza che unisce talento innato a sapiente e originale rielaborazione è tratto caratteristico di tutti i componimenti…”

ecco, è vero, e l’ho detto a me stessa spesso, dopo.

cerco sempre di non lasciarmi coinvolgere dalla conoscenza di chi è dietro, a un libro o un disco, quando devo dire il mio pensiero, ché  credo l’onestà sia lo specchio delle dita, un po’ come quando stringiamo la mano a qualcuno con energia, quasi volessimo trasmettere tutto il piacere di quell’incontro.

ecco, incontrare cristina bove attraverso il profumo della carta stampata, è un rinnovare il piacere che si prova mentre la si legge nel virtuale, ché riesce a trasmetterti tutti i suoi voli terreni con ali d’anima, e sia che si pianga, si sorrida o si attraversi solo un sogno o un incubo, c’è sempre il desiderio della bellezza che esplode come un’impollinazione.

non è voluta, è innata nelle righe che scorrono e pian piano si manifestano. e restano.

il suo componimento “Sbalordire” termina con questi versi: “…una teiera bianca…”

ecco, una semplice immagine scolpisce la sua porcellana, e le sue poesie sono di questa materia. e calde, come i suoi incontri vissuti, proprio come il bianco che sa disegnare, sempre e comunque, l’eleganza.

lei è ovunque, ed anche loro, che possiamo essere noi vestiti da personaggi incontrati, e nei suoi viaggi tutto è collocato nell’universo naturale che la circonda, come ad esempio “…il sole nell’ampolla dell’aceto…” ( da “Minime (?) COSE“) o “…bevevo la luce dal turchino…” (da “Sherifa“).

Chi legge è invitato… a seguire vene sotterranee erroneamente date per esaurite, a percorrere traiettorie divergenti dal canone consolidato, anche da quello che l’epidermica impressione può far percepire come inusuale e innovativo e che troppo spesso, nella poesia contemporanea, non osa oltrepassare la striminzita e logora tessera del canovaccio pseudo-ermetico-essenziale.” (dalla prefazione).

sì, mi sento di condividere appieno le parole sopracitate, e quelle a seguire della post-fazione di francesco marotta: “…tutte “emersioni” a fior di lingua di un implacato fluttuare inconscio, del lento, persistente trascorrere di una materia che è già “oltranza”. Cioè: poesia.”

a chiusura non posso che…passare “la lingua intorno all’orologio”, ché nulla si chiude del tempo goduto…

simonetta bumbi

Divagazioni a Cnosso

Tra scimitarra e fiore

nell’argilla gli steli d’achillea

sono ditate impresse

nell’albedo

giorni di fuga

in versi _________distanziati

grovigli di parole e mescolanze

passo la lingua intorno all’orologio

su minuti sbreccati ((nel flacone

la goccia in rosso segna storie

sempre alla stessa ora))

ci si approssima a paratie di stagno

– flettere sottigliezze come un filo di Arianna –

in circonvoluzioni cerebrali.

(cristina bove)

≈≈≈

Cristina Bove si racconta: Sono nata a Napoli il 16 settembre 1942, vivo a Roma dal ‘63. Ho cominciato da piccolissima a disegnare, a nutrire la passione per la lettura. In seguito mi sono dedicata alla scultura e alla scrittura. Negli ultimi tempi mi esprimo soprattutto in poesia. Mi sento testimone del mio tempo e della mia esistenza. Credo nella libertà e nella giustizia, penso che il rispetto della diversità sia un valore fondante tra gli esseri umani e ne sia inestimabile ricchezza. Sono alla costante ricerca di un significato in questo infinito mistero in cui mi sento immersa, ma non mi faccio più domande inutili. Amo la vita, i miei cari, e tutti gli esseri umani dal cuore buono e dalla mente aperta. Considero la poesia un linguaggio universale, l’esperanto dell’anima.

Ho pubblicato tre raccolte di poesie per la casa editrice Il Foglio Letterario:

Fiori e fulmini (2007)
Il respiro della luna (2008)
Attraversamenti verticali (2009)

Sono presente in diverse antologie:
Antologia di Poetarum Silva (a cura di Enzo Campi) Auroralia (a cura di Gaja Cenciarelli)
La ricognizione del dolore (a cura di Pietro Pancamo) Antologia del Giardino dei poeti (a cura mia e di altri poeti)

Blog: http://cristinabove.wix.com/cantonianimati

gennaio 18, 2013 Posted by | libri | , , , | 7 commenti