bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

@TeatroArciliuto: “Ti Amo Da Morire Onlus” Contro La Violenza Di Genere – Roma, Martedì 18 Ottobre 2016

tiamodamorire18102016Martedì 18 ottobre, presso il Teatro Arciliuto, prendono il via gli Eventi di Sensibilizzazione Contro LA VIOLENZA DI GENERE organizzati dall’Associazione “TI Amo da Morire Onlus”. Primo appuntamento: lo spettacolo “iostoconletartarughe”, con Antonella Ponziani, Rossella Seno e Daniela Terreri.

Antonella Ponziani, Rossella Seno e Daniela Terreri si avvicenderanno sul palco del Teatro romano L’Arciliuto in un mix d’interpretazione recitata e a tratti cantata e suonata. Ad accompagnarle, rispettivamente, i seguenti musicisti: Stefano Repolo – piano e chitarra; Francesco D’Amico – chitarra; Fabio Bianchini – piano; Yuki Rufo – chitarra.

iostoconletartarughe, uno spettacolo di teatro canzone tratto fedelmente dall’omonimo libro (EmigliEditore srl) di Simonetta Bumbi, che sarà presente in sala, si inserisce nell’ambito degli eventi di sensibilizzazione contro la violenza di genere, organizzati dall’Associazione “Ti Amo da Morire ONLUS”.

Continua a leggere

ottobre 14, 2016 Posted by | eventi, musica | , , , , , , | Lascia un commento

“POVERI SI DIVENTA” Prima Teatrale a PISTOIA “LEGGERE LA CITTA'” – 5 aprile 2014 ore 21.00

Il 5 aprile 2014 al Piccolo Teatro Mauro Bologninialle ore 21,00 andrà in scena la prima di “Poveri si diventa”, spettacolo teatrale nell’ambito dell’iniziativa socio/culturale “Leggere la città” che si terrà a Pistoia dal 3 al 6 aprile 2014.

Da un’idea di Alessandro BertirottiSimonetta BumbiCostantino Lala, e Marco Saporiti il quale ne cura anche la regia e la scenografia, nasce una performance che riunisce, in chiave culturale e sociale, realtà che in molti casi, e inconsapevolmente, affliggono la società odierna.

Continua a leggere

aprile 1, 2014 Posted by | arte, cultura, eventi, interviste, musica, teatro | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

8 Marzo 2014 – “Wigwam Club Mare Dentro” di Trapani: “Avevamo il mostro in casa e non ce ne siamo accorti”

– Secondo l’Istat, in Italia, sono circa sei milioni le donne vittime di violenze fisiche e il 69% degli episodi di violenza sono firmati dai partner. In ogni parte del mondo la violenza di genere è una piaga sociale che miete vittime –

Sabato 8 Marzo 2014

Ore 09,30 – Istituto Rosina Salvo – Trapani

Ore 18,00 – Molino Excelsior – Valderice  ( Ingresso libero )

L’Evento “Avevamo il mostro in casa e non ce ne siamo accorti” è patrocinato dal Comune di Valderice, dall’Istituto Rosina Salvo di Trapani, dal Centro di AscoltoSTOP alla violenza sulle donne “del Comune di Valderice e Buseto Palizzolo.

Continua a leggere

marzo 1, 2014 Posted by | eventi | , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Roma, 17 febbraio 2013 all’Associazione “Villaggio Cultura”- ore 17, invito alla lettura: Cristina Bove‏

Invito alla lettura

17 febbraio 2013 ore 17

Associazione culturale “Villaggio Cultura – Pentatonic”*

Viale Oscar Sinigaglia 18 – 20, Roma

Cristina Bove,  Mi hanno detto di Ofelia, Smasher 2012

Introduzione di Simonetta Bumbi e Anna Maria Curci

Musiche di Orlando Andreucci

«Incontrare Cristina Bove attraverso il profumo della carta stampata, è un rinnovare il piacere che si prova mentre la si legge nel virtuale, ché riesce a trasmetterti tutti i suoi voli terreni con ali d’anima, e sia che si pianga, si sorrida o si attraversi solo un sogno o un incubo, c’è sempre il desiderio della bellezza che esplode come un’impollinazione». (Simonetta Bumbi)

«L’eleganza che unisce talento innato a sapiente e originale rielaborazione è tratto caratteristico di tutti i componimenti». (Anna Maria Curci)

 

 

CRISTINA BOVE  si racconta: Sono nata a Napoli il 16 settembre 1942, vivo a Roma dal ‘63. Ho cominciato da piccolissima a disegnare, a nutrire la passione per la lettura. In seguito mi sono dedicata alla scultura e alla scrittura. Negli ultimi tempi mi esprimo soprattutto in poesia. Mi sento testimone del mio tempo e della mia esistenza. Credo nella libertà e nella giustizia, penso che il rispetto della diversità sia un valore fondante tra gli esseri umani e ne sia inestimabile ricchezza. Sono alla costante ricerca di un significato in questo infinito mistero in cui mi sento immersa, ma non mi faccio più domande inutili. Amo la vita, i miei cari, e tutti gli esseri umani dal cuore buono e dalla mente aperta. Considero la poesia un linguaggio universale, l’esperanto dell’anima.

 

 

 

*ingresso con tessera ARCI; è possibile tesserarsi in sede         

 

 

                                                          

febbraio 7, 2013 Posted by | libri | , , , , , , | Lascia un commento

Letturando “Da vicino nessuno è normale” di Giulia Carmen Fasolo

giulia carmen fasolo – da vicino nessuno è normale

giusy e il punto del non ritorno – edizioni smasher

 

cinquantaquattro pagine, comprese foto prefazione e citazioni.

ce ne vogliono molte di meno, per uccidere una persona, infatti, in certi casi, basta un certificato, e questo libro, aprendosi a noi per narrarci il calvario di una “vita morta”, forse ne ha usate anche troppe, ma sono servite a giusy fasolo, attraverso la mano della sorella giulia carmen, per ricordarci che i suoi ricordi finalmente possono essere, non solo accantonati, ma di aiuto per chi ancora resta muto d’occhi.

giusy è una bambina di 34 anni, che ha conosciuto quelle pareti senza porte, che si chiamano opg.

giusy ha avuto la forza della fortuna, ché nella sfortuna della sua esistenza, è riuscita a non arrendersi mai, anche quando nella sua mente, qualcuno faceva del tutto per  gettarci il silenzio. e quella fortuna, ha avuto il suo fulcro, nelle radici della sua famiglia che, malgrado le disgrazie, non ha mai perso la speranza.

questa speranza si chiama “Amore”, un sentimento/vocabolo, ormai in disuso ai giorni d’oggi.

“da vicino nessuno è normale – giusy e il punto del non ritorno”, non è un grido d’aiuto, ma una mano protesa a donarcelo, e la semplicità con cui ci parla di tanto dolore, è l’incipit per un’occasione che non possiamo lasciarci sfuggire, e dalle sue parole, emerge una tale dignità, da meritare tutto il nostro rispetto, e la nostra lettura.

[ Perché oggi noi malati siamo soprattutto quello che ieri hanno fatto di noi.

 In fondo, a ciascuno fa bene mentire.

Ma tutti lo sappiamo: da vicino nessuno è normale.]

simonetta bumbi

 

≈≈≈

Giulia Carmen Fasolo nasce a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) dove prevalentemente vive. Vive e lavora di psicologia, informatica, giornalismo, multimedialità e cyberpsicologia. E’ presidente del Centro Studi e Ricerche di Psicologia e Psicopatologia “Sentieri della Mentre” e dell’Associazione Smasher (Barcellona Pozzo di Gotto). È  vicepresidente del Centro Studi di Scienze Psicologiche  “Nuvola” (Emilia Romagna). E’ referente, per la provincia di Messina, del Comitato “Associazione Sicilia in Rete”. Svolge consulenza multimediale e informatica per l’Azienda System Network (Bologna).

Si occupa di giornalismo (Barcellonapg.it, Metropolis, Nuovo Soldo, …) e di Circuiti culturali nazionali (Beviamoci Freud, Movemento In-verso, …)

Le sue pubblicazioni—> QUI

 

gennaio 6, 2013 Posted by | letturando | , , , , | Lascia un commento

custodisco “la custodia del fuoco” e i suoi papaveri – di simonetta bumbi

roma, 28 dicembre 2012

c’era un’unica incertezza: se mettere lo scialle o il giaccone. e con l’ultimo mi sono andata a gustare qualcosa di rosso.

lo scenario del freddo esterno, dovuto anche all’agitazione del dopo, ha fatto sì che tutto mi si tenesse dentro strettostretto.  parlo poco e poco sono socievole, anche se sono in ottima compagnia, specialmente quando mi faccio certi regali.

il teatro immenso ai miei occhi, ma accogliente nell’anima, l’essenzialità della scena presente sul palco, il chi ha deciso la mia decisione già presa, e mi sono messa seduta comoda e lontana da tutto per non essere distratta.

solo una grande rete di pescatori, ai piedi del palco, m’ha catturata. e già immaginavo.

lucrezio, primiano ed alessandro erano lì, nel buio dell’attesa. poi una voce, ed una luce fa emergere una figura graziosa  in un abito fresco,  d’altri tempi ho pensato. poi non ho pensato più, rapita dalla bellezza…

potrei sembrare smielata, ma chi mi conosce sa che dico solo quello che penso, e senza peli sulla lingua.

non so quanto tempo sia durato lo spettacolo, so solo che m’è sembrato poco, anche se lo spessore del canto, della musica e del ballo è stato elevato. e forse è per questo che ha saputo volare via.

tutto in lingua siciliana, con l’affascinante magia della sua cultura, e ciò che non potevo comprendere m’era stato spiegato a sufficienza con i corpi del ballo. una cosa davvero fuori le righe, ed è per questo che sono stata tentata dal dire, quando al termine tra  il vociferare di alcuni è emerso un ma…

ma non l’ho detto quel che pensavo. non l’ho detto “ma per favore, chiunque l’abbia detto stia zitto”, ché se non si è preparati ad affrontare qualcosa di più grande di se stesso, deve tacersi.

e farsi piccino, è ciò che di grande ho sentito dentro. mi sono sentita fuoco, è questo l’effetto che m’ha fatto “La Custodia del Fuoco in La Conta dei Papaveri”.

e come papaveri conservo l’immagine di quei corpi sul palco, così sinuosi nel dare, ma tanto severi ed alteri nel dire ciò che spesso, dalla tradizione dei tempi, ancor oggi non osiamo accettare.

 

***

“La Custodia del Fuoco”  

Il progetto, nato dall’ incontro della cantante Eleonora Bordonaro con il Majarìa Trio del batterista e percussionista Lucrezio de Seta, del bassista Alessandro Patti e del pianista polistrumentista Primiano Di Biase, riprende le tradizioni della canzone popolare siciliana reinterpretandola in chiave “etno-jazz”. Attraverso l’incontro dell’espressività vocale di Eleonora con la direzione musicale già caratterizzante il Majarìa Trio (de Seta, Patti e Di Biase), il repertorio, interamente interpretato in dialetto siciliano, acquisisce un fascino che attraversa gli stilemi della musica popolare e diviene così linguaggio del mondo.
 
Eleonora Bordonaro: Voce
Lucrezio de Seta: Batteria e Percussioni
Alessandro Patti: Basso Elettrico e Contrabbasso
Primiano Di Biase: Piano, Sintetizzatore, Fisarmonica, Effetti
 
 
*** 
 
“La Custodia del Fuoco” in “La Conta dei Papaveri”

Un insieme di quadri evocativi e surreali letteralmente ‘strappati’ alle suggestioni della musica contenuta nel nuovo lavoro discografico del Majaria Trio & Eleonora Bordonaro, scritti coreografati e diretti da Luna Marongiu, impreziositi dalla collaborazione con Cinzia Maccagnano e dalle danze di Marica Zannettino, Sara Rossi e Rosaria Iovine.

ideazione: Lucrezio de Seta
regia: Luna Marongiu
scene: Alessandro Giuliani

esecuzione musiche dal vivo: Majaria Trio
Lucrezio de Seta, percussioni
Primiano Di Biase, fisarmonica
Alessandro Patti, basso

canto: Eleonora Bordonaro

danza: Rosaria Iovine, Luna Marongiu, Cinzia Maccagnano, Sara Rossi, Marica Zannettino

scene e grafica: Alessandro Giuliani
costumi: Yari Molinari
disegno luci: Stefano Stacchini
audio: Eugenio Vatta

 
Alcune Immagini—>QUI

gennaio 5, 2013 Posted by | fuori o dentro le righe? | , , | Lascia un commento

la magia…è nel bosco, per davvero – di simonetta bumbi

pomezia, martedì 18 dicembre 2012

due metri da un’uscita di sicurezza, ed il parcheggio è trovato. e poi anche l’entrata, ché era davanti a quell’uscita.

persone fumano, si sorridono, salutano, e ci si presenta con tutti. e tutti entrano da lì verso un’incognita, che spesso la speranza lo è.

musica, sorrisi, cavi, emozioni. tutto gira nell’aria, assieme ai minuti che sembrano troppi e che poi alla fine volano anche loro nell’aria. e mentre mi guardo intorno e in tanti mi dicono i loro nomi, mi accorgo che il mio è sempre il mio.

un palco, due croci, e persone che vanno e vengono. da lì a breve accadrà un semplice miracolo, ed io l’attendo, in compagnia delle poltroncine rosse, delle mie lacrime di commozione e di quell’eleganza che scopro fra i capelli di qualche ragazza. un fiore, un cerchietto, e mille dita a difendersi dai pensieri che fanno paura, ché la prima volta degli attori è così.

ma questi non sono attori comuni. loro, sono “attori” diversi, e che lottano per abolire quella diversità che si legge spesso negli occhi della gente, quando li guardano o ci parlano. e spesso io mi dico, ma che mi guardano, se non sanno pensare?

paolo, emilio, giovanni, dottor e via di seguito, una carrellata di nomi che cancello subito per prendermi la loro parte migliore. ed è così che divento attore con loro, per partecipare appieno allo spettacolo più bello che potesse accadere in quattro mura di pareti umane.

e si apre il sipario tra commozione e impappinamento, tra musica chitarre e bottoni, luci, applausi e tanti sorrisi. e poi il silenzio, il silenzio che nasce solo da chi è rapito dalla condivisione della bontà, verso chi si guarda dentro attonito e si dice “ma sono proprio io quello lì”.

sì, erano proprio loro. era quel gruppo che ha iniziato un cammino per poter camminare con gli altri. e lo hanno fatto attraverso un cortometraggio scritto e interpretato da loro, sotto la guida professionale (ma la loro anima lo è stato di più) di medici, e non di strizzacervelli.

e’ così che è iniziata/nata la loro favola/magia vitale, dove il bosco/mondo è sì pieno di lupi, ma anche di scoiattoli, genitori e tanti amici.

la magia è…nel bosco, regia di un certo paolo…una metafora della vita che ha una marcia in più, perché cammina sul cuore di chi non si sarebbe voluto far camminare più…

 

*** 

La Magia è… nel bosco” è il risultato di un progetto avviato, da diversi anni, dal   Centro Diurno del Dipartimento di Salute Mentale della ASL ROMA H4 di Pomezia ed è un progetto terapeutico-riabilitativo per i propri utenti incentrato su due elementi essenziali finalizzati ad un più efficace trattamento: la possibilità di integrazione del Paziente psichiatrico all’interno del proprio territorio e del contesto sociale di appartenenza e la lotta allo stigma, inteso come segno discriminante per quanti sono affetti da malattia mentale.

La Magia è… nel bosco” realizzato dal  Gruppo Cinema e Teatro del Centro Diurno del DSM ASL ROMA H di Pomezia. Un film interpretato interamente dai pazienti in cura presso il Centro che si sono scoperti a sperimentare nuove  forme di linguaggio (video, teatro, collage) in aggiunta alle tante  attività già proposte da tempo – ben 8 anni sotto la direzione del Dott. Ferri  – per volontà del Dipartimento  di Salute Mentale di Pomezia.

Il progetto ha visto impegnati i seguenti operatori:
Dott. Paolo Lipartiti – Educatore, Regista, Arte-Terapeuta, nella fase di sceneggiatura e riprese video teatrali.
Dott.ssa Daniela Lucignolo – Psicologa, Psicoterapeuta, Specialista in Psicologia della Salute, nella fase della “narrazione”.
Ente promotore del progetto: Cooperativa Panta Rei – Presidente Dott.ssa Silvia Adiutori – Psicologa, Psicoterapeuta, Arte-Terapeuta.

***

il video reportage della presentazione è –>qui

 

dicembre 20, 2012 Posted by | vissuto | , , , , , | Lascia un commento

Alessandro Bertirotti pubblica “La mente ama” – Pillola #2 – L’intervista di Allinfo.it

ottobre 19, 2012 Posted by | alessandro bertirotti, la mente ama, video | , , , , | Lascia un commento

DOC ITALIANO SOBRE J. VELOSO TEVE NOITE DE SUCESSO

O cantor e compositor baiano J. Veloso exibiu na última sexta-feira, dia 24 de agosto no Auditório do Espaço Cultura Ciranda Café (Rio Vermelho), pela primeira vez no Brasil o documentário gravado na Piazza del Popolo, em Roma/Itália, sobre a sua visão do cenário musical dentro e fora do país. O curta foi uma realização da Allinfo TV italiana, com direção o cineasta Giovanni Pirri e idealização da jornalista Antonella Rita Roscilli.

O evento contou com um breve bate-papo de J. Veloso e Antonella Rita com o público presente lotou o auditório e pocket show do cantor com os amigos: Luciano Salvador Bahia, Stella Maris, Mazzo Guimarães, Rosy Mattos, Zeu Lobo, Sueli Sodré, Marília Sodré, Raimundo Nova e ainda teve as presenças ilustres Paulo Dourado (diretor de teatro), Duda Tawill (jornalista), Roberto Cordeiro (artista plástico), Hellen Pacheco (chef de cozinha), Cinthia Santiago (produtora cultural), Deo Carvalho (ator), Sayuri Koshima (produtora cultural), Geraldo Badá (produtor cultural), Mauricio Pessoa (produtor cultural), Roney George (artista plástico) e Marcia Damasceno (produtora cultural).

Na ocasião jornalista italiana foi presenteada por dois grandes artistas uma escultura denominada “Curvas de Gabriela” de Silvio Mendes e a tela “Antonella Baiana” de Thiago Bols. Devido a sua ausência – Giovanni Pirri roteirista do documentário italiano “J. Veloso um Cavaleiro de Jorge” enviou essa mensagem da Itália:

É incrível como às vezes acontecem algumas situações na vida. Em algumas delas ou graças a elas, você pode sentir a emoção como se você tivesse já vivido aquela situação. Como se a pessoa ou situação que você está enfrentando estivessem lá na frente de seus olhos há sempre e que te ensinassem a ter uma visão mais clara de um país fora do comum que mal suporta a idéia de estar associado com certos estereótipos divulgados por pessoas que pensam de conhecer aquele país.

O mesmo país que, de fato, nunca realmente tiveram desejo de conhecer de verdade. O encontro com Jota Piazza del Popolo 15 de julho de 2012 foi uma oportunidade para focalizar minha atenção sobre o encontro com uma cultura capaz de causar na minha alma um sentimento fundo de magia. Como? Através de palavras, ações e intenções que lutam contra preconceitos e espalham dentro de você uma viva e saudável curiosidade, naturalmente perfeita. Do ponto de vista artístico, certamente a cultura brasileira cuida e protege a semente de espontaneidade e o desejo de reinventar-se, de conhecer e ser reconhecido por seu talento e criatividade, experimentação e capacidade de contaminação. Tudo em nome de valores que fazem da espiritualidade o próprio centro“.

Para quem quiser conferir o vídeo está disponivel no seguinte endereço eletrônico: http://www.allinfo.it/alafia-brasil/117-terra-brasilis/1245-doc-italiano-sobre-j-veloso-teve-noite-de-sucesso oppure http://www.allinfo.it/alafia-brasil/121-terra-brasilis/imagens-gallery/1256-doc-italiano-sobre-j-veloso

 

 

(Alafia Do Brasil)

 

agosto 28, 2012 Posted by | I primi passi | , , , , | Lascia un commento

Per la Canzone d’Autore: Orlando Andreucci Live New – Roma 25 agosto 2011 San Lorenzo in Piazza dell’Immacolata

(L’Artista Orlando Andreucci)

agosto 27, 2012 Posted by | artisti, video | , , , | Lascia un commento