bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “MOMENTI DI INTIMITA’ “

Al primo piano del Museo Andersen c’è questo quadro che, oltre a essere ben dipinto, ritrae con grande delicatezza, bisogna proprio dirlo, un momento di intimità: la fine di un incontro omosessuale, scena forse non tanto comune ma certamente accettata all’epoca fra artisti del nord, e magari giovani locali.

Il Museo Andersen è una grande villa Art Nouveau appena fuori Porta del Popolo, in una traversa della Via Flaminia. Sconosciuta ai più, è stata l’abitazione e lo studio di Hendrik Christian Andersen, scultore norvegese della prima metà del novecento (niente a che fare con Hans Christian, quello delle favole), il quale, una volta scoperta Roma, come succedeva a molti viaggiatori europei, preferibilmente ricchi, ci aveva messo su casa e non se n’era più andato.

Continua a leggere

Annunci

novembre 20, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “IRRIVERENZE”

Presentazione Stagioni delle Arti.

Parco della Musica, mercoledì 8, conferenza stampa di presentazione delle Stagioni delle Arti 2017-18. Un tripudio di notizie positive: numero di concerti, lezioni e incontri con il pubblico, spettatori in continua crescita, come gli incassi; e non è poco, trattandosi di un’istituzione pubblica, che contrariamente alle altre non è in passivo cronico.

Continua a leggere

novembre 13, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “MEZZO MILLENNIO”

E’ il tempo che ci separa dal botto provocato da Martin Lutero con la sua riforma.

C’è a Roma una chiesa cattolica apostolica romana officiata dei preti tedeschi: S. Maria dell’Anima. E’ una chiesa che ha il pregio, raro in città, di essere bene illuminata. Quando entri il soffitto sembra un cielo, i pilastri brillano di cera, i quadri splendono di colori, e non si vede una lampada. Luce diffusa. Devono aver piazzato almeno una cinquantina di alogene, ma sono nascoste così bene e così ben puntate che non si capisce da dove venga il miracolo.

Ci siamo affacciati la mattina del 30 ottobre, con il sole dei finestroni che sostituiva le luci. Avevano appena fatto le pulizie. Un lavoro alla tedesca. Non un atomo di polvere neanche sulle cornicette o sotto le balaustre. Molte le tombe di marmi bianchi e colorati e con una fitta presenza di clessidre e teschi ghignanti, ma rese un po’ più gioviali dai busti di rubicondi cambiavalute sassoni e dai culetti di paffuti angiolotti.

Continua a leggere

novembre 6, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “MISSIONE SUICIDA”

Questa settimana abbiamo deciso di buttarci fra le braccia di tutti quelli che aspettano un pretesto per darci un buffetto, o magari uno sganassone. Ecco, glieli forniamo noi: più di uno.

Primo: non ci piacciono gli strumenti giapponesi (quelli tradizionali, naturalmente; su eventuali usi rock o jazz nulla ci è pervenuto dalle fonti deputate).

Roma, martedì 24 ottobre, Istituto Giapponese di Cultura: “Danze e Canti di Osaka”. Tutti gentili, ci fanno accomodare in prima fila, posizione rischiosa che rende impossibile la fuga strategica, ma permette di udire meglio i flebili e pochissimo espressivi suoni emessi dagli strumenti.

Eh già, perché, per quanto riguarda la parte musicale, abbiamo uno shamisen, una chitarrella a tre corde tese su una scatola quadrata coperta di pelle di serpente, pizzicate con un grande plettro di legno; ne escono suoni sordi che, in mancanza di una cassa di risonanza decente, non vanno lontano e non emozionano (a noi).

Continua a leggere

ottobre 31, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “UN MILIARDO DI CREDULONI”

Creduloni, per essere buoni e non chiamarli criminali. Avranno anche una delle più antiche civiltà del mondo, ma su certi argomenti sono proprio indietro.

Parliamo dei cinesi e delle loro fissazioni mediche e alimentari. Che mettono a rischio un numero esagerato di povere bestie le quali, proprio per colpa loro, hanno ormai una zampa nella fossa.

E sono i poveri rinoceronti, quasi sterminati, il cui corno tritato i creduloni criminali credono che faccia passare la febbre e le convulsioni. E che sia afrodisiaco. In realtà è solo normale cheratina: come dire che mangiarsi le unghie farebbe bene alla salute (pardon, alla virilità).

E sono i poveri orsi, tenuti per anni in gabbie dove non possono neanche alzarsi in piedi, con infilata nella pancia una cannula aperta in permanenza per raccogliere la bile, che i criminali creduloni credono faccia passare la congiuntivite e l’epatite. E in più, alla fine, gli tagliano i piedi e se li mangiano in guazzetto contro l’artrite e l’impotenza.

Continua a leggere

ottobre 23, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “UN ECOMOSTRO D’EPOCA”

Ci rendiamo conto del rischio di un titolo come questo, ma è una tentazione a cui non sappiamo resistere.

Certo il mattone invecchia meglio del cemento, i millenni danno dignità a qualunque struttura, vedere queste rovine rosseggiare nel sole del pomeriggio al di là della fossa del Circo Massimo riempie gli occhi di chi passa con la maestà della grande architettura imperiale; eppure quella fila di doppi archi che si stagliano belli impettiti sulla destra, sono ciò che resta di una vera a propria violenza fatta al paesaggio da Alessandro Severo.

Il quale, essendosi fatto venire la voglia di ampliare il complesso dei palazzi di abitazione e rappresentanza degli imperatori, che già coprivano diversi ettari, evidentemente non abbastanza per lui, ed essendo ormai esaurito il settimo colle, il Palatino, pensò bene di prolungarlo, il colle, e sostituire il terreno mancante con questa pesante quinta di mattoni: una piattaforma sulla quale poi edificò effettivamente la sua nuova ala.

Continua a leggere

ottobre 18, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “PATOLOGIE”

“Commozione celebrale”. Così scrivono su FB, raccontando le conseguenze di una caduta dal motorino; oppure, “Se tu mi lasceresti…” si disperano con le loro ragazze minacciando il suicidio.

Per il loro uso (e anche per il nostro, in occasioni più stimolanti, speriamo) sta uscendo come supplemento al Corriere della Sera la “Biblioteca della Lingua Italiana”, una consigliabile, utile e piacevole serie di libretti scritti in modo sciolto e con riferimenti attuali: tutto il potenziale della nostra lingua (a saperla usare, una vera e propria arma impropria, molto più distruttiva, o magari qualche volta anche costruttiva, di un paio di pugni).

In apertura del secondo volume c’è una citazione di Loreto Mattei, letterato del ‘600, che la dice lunga su quella cosa viva che è la nostra comunicazione e soprattutto sull’inutilità di incaponirsi a mantenerla sacra e intoccabile: “Non può mai darsi una regola tanto vergine che da qualche eccezione non sia deflorata”.

Forse un filo maschilista ma, di sicuro, chiaro.

Continua a leggere

ottobre 9, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “UNA SVISTA”

Una svista. Non può essere che una svista. Come è possibile che Bocelli, che già ha i suoi guai, non abbia capito il ridicolo di questa faccenda? Lo abbiamo ammirato su You Tube (ve lo raccomandiamo vivamente: guardate e soprattutto ascoltate il filmato fino alla fine perché in fondo c’è un vocalizzo che qualche melomane di periferia potrebbe definire a ragione “de paura”) mentre canta, il 12 settembre a Pisa, durante il festival della robotica, “La donna è mobile” accompagnato (si fa per dire) da una orchestra diretta (si fa per dire) da un robot, il quale, povero attrezzo, che altro può fare se non dare il tempo, comunque regolare (almeno questo) con i suoi braccini meccanici?

Già normalmente il brano di Verdi rischia lo zum pa pa. Qui siamo sull’orlo del baratro. Penoso è stato ascoltare i poveri orchestrali che si arrabattavano a seguire (o forse a ignorare) la macchinetta, e ancora di più il patetico tenorino, del quale conosciamo la mancanza di quella minima dose di spirito che, sola, permette di regalare un po’ di leggerezza a una delle più bandistiche arie del Cigno di Busseto.

Continua a leggere

ottobre 2, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “METTI UN BEL GIORNO AL BAR”

C’è questo signore, arrivato a un punto della vita in cui più o meno tutto il bello prevedibile è già successo e cominciano i problemi che poco a poco costringono a strisciare invece di volare come uno vorrebbe: bastone, occhiali, sciatiche. Tutto tende al grigio, e allora…allora lui si è selezionato una serie di pacate abitudini, come scendere ogni mattina, mai troppo presto intendiamoci, giù al livello degli sconquassati sampietrini del centro storico di Roma. Due passi fino al giornalaio, dietro front ed eccolo seduto, quotidiano e cappuccino, al Bar del Fico, piazza omonima, sotto le finestre di casa.

Proprio un bel giorno al bar, succede che dal cielo ti cade qualcosa addosso, qualcosa di inaspettato e divertente, un salvagente esistenziale; e in più per ottenerlo non hai fatto niente se non andare in giro con la tua solita faccia disegnata dagli anni. Beh, allora è magia. Un regalo.

Eccola, la favola.

Parecchi sono gli amici o i conoscenti, con cui ci si saluta da un tavolino all’altro. Fra questi, spesso in compagnia di una ex dirimpettaia di pianerottolo, c’è un giovin signore abbondantemente capelluto e barbuto con cui varie volte ci si è scambiata qualche piacevolmente generica parola.

Continua a leggere

settembre 25, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento

Le Lune_dì Stefano Torossi, il Cavalier Serpente: “MUTAZIONE DEL CAVALIER SERPENTE”

In occasione della Santa Pasqua succedono cose: c’è stato chi, tempo fa, ben sigillato in una grotta, si è ripresentato dopo tre giorni fresco come una rosa; c’è chi, oggi, malgrado le campagne di salvataggio, belante e innocente ma appetitoso, finisce nel forno con patate; e c’è perfino un Serpente che ha subito una mutazione.

Capita, ah, se capita, a un certo punto della biografia di qualcuno, Cavaliere o no. Uno sgambetto, di sicuro inaspettato, ma sempre e comunque possibile, perché, come sappiamo, tutto accade senza regole fisse; e ancora meno secondo il progetto di un Grande Burattinaio. Lo scatto di un interruttore che cambia il flusso dei circuiti e scombussola tutto il programma.

E allora, proprio perché niente è prevedibile, l’obbligo di cambiare il progetto, di inventarsi un nuovo itinerario, diversamente orientato per necessità, può diventare addirittura divertente. O drammatico. Magari drammaticamente divertente. Comunque è sempre un buon modo per mettere un piede avanti e interferire con il succitato presunto Grande Burattinaio.

A questo punto forse si vorrebbe sapere di che si tratta, ma il Serpente, è bestia misteriosa, e per ora mantiene il segreto nascosto fra le sue spire.

Continua a leggere

aprile 17, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | , , | Lascia un commento