bumbi Media Press

un sentire, mai sentito, è ascoltarmi (sb)

Amazzonia: gli incendi ora minacciano anche le tribù incontattate

La sopravvivenza delle tribù incontattate in Amazzonia è ora a rischio poiché le fiamme stanno consumando alcuni dei loro ultimi rifugi nella foresta.

Nell’Amazzonia orientale, sono stati segnalati incendi nell’area dove vivono i gruppi ancora incontattati della tribù degli Awá, negli ultimi lembi di foresta pluviale rimasti nella regione.

La popolazione locale riferisce che i taglialegna che hanno appiccato i focolai sono armati pesantemente e impediscono ai pompieri di accedere all’area.

Uno straordinario video di due membri incontattati della tribù è stato diffuso il mese scorso. Non si sa se gli uomini nel video siano ancora vivi perché la loro foresta è in fiamme.

Dall’altra parte del Brasile, brucia anche la foresta ancestrale della tribù degli Uru Eu Wau Wau, alcuni dei quali sono ancora incontattati.

Gli Uru Eu Wau Wau sono noti come il “popolo dell’Aquila Arpia”, perchè usano le enormi piume dell’uccello per le frecce da caccia e i copricapo. Chiamano i loro vicini incontattati “Jururei”, che significa “coraggiosi”. La loro riserva è stata a lungo presa di mira da allevatori e coloni.

Continua a leggere

Annunci

agosto 28, 2019 Posted by | fuori o dentro le righe? | , | Commenti disabilitati su Amazzonia: gli incendi ora minacciano anche le tribù incontattate

Brasile: nuovo, straordinario video di Awá incontattati. La minaccia dei taglialegna

Un gruppo indigeno del Brasile ha diffuso un nuovo straordinario filmato di alcuni degli Indiani incontattati più minacciati al mondo.

Il video – che mostra alcuni membri incontattati della tribù degli Awá, nello stato del Maranhão, nel Brasile orientale – è stato filmato dai Guajajara, una tribù vicina che sta cercando di proteggere le isole di foresta in cui vivono gli Awá.

In quell’area, infatti, la foresta amazzonica viene rapidamente distrutta e alcuni gruppi di Guajajara pattugliano regolarmente il territorio per monitorare le incursioni e sfrattare i taglialegna. Molti di loro hanno ricevuto minacce di morte per questo, e alcuni sono stati uccisi.

Continua a leggere

luglio 23, 2019 Posted by | fuori o dentro le righe? | | Commenti disabilitati su Brasile: nuovo, straordinario video di Awá incontattati. La minaccia dei taglialegna

Al via il concorso fotografico 2019 di Survival International

Survival International, il movimento mondiale per i popoli indigeni, è lieto di annunciare l’apertura del suo rinomato concorso fotografico annuale.

Il concorso si propone di celebrare il ruolo della fotografia nel sensibilizzare l’opinione pubblica sui popoli indigeni, sui loro stili di vita unici e sulle minacce alla loro esistenza. È aperto a fotografi amatoriali e professionisti di tutto il mondo.

Il tema di quest’anno è “Popoli indigeni per il mondo di domani” e prende ispirazione dall’omonimo libro del Direttore generale di Survival Stephen Corry, che respinge gli stereotipi di “primitivo” ed “esotico” spesso associati ai popoli indigeni.

Le loro scelte di vita sono infatti decisioni volontarie, sono contributi al mondo rivoluzionari – ma ancora in gran parte misconosciuti. Cerchiamo immagini che mostrino che i popoli sono parte essenziale della diversità umana e che la loro sopravvivenza è nell’interesse di tutti.

Continua a leggere

marzo 22, 2019 Posted by | fotografia | , | Commenti disabilitati su Al via il concorso fotografico 2019 di Survival International

Bolsonaro ‘dichiara guerra’ ai popoli indigeni del Brasile – Survival risponde

Jair Bolsonaro ha inaugurato la sua Presidenza nel peggiore modo possibile per i popoli indigeni del Brasile. La decisione di togliere al FUNAI (il Dipartimento brasiliano agli Affari Indigeni) la responsabilità di demarcare le terre indigene per affidarla al Ministero dell’Agricoltura è praticamente una dichiarazione di guerra ai primi popoli del paese.

Tereza Cristina, il nuovo Ministro dell’Agricoltura, si oppone da tempo ai diritti territoriali indigeni ed è a favore dell’espansione dell’agricoltura all’interno dei loro territori. È un assalto ai diritti, alle vite e ai mezzi di sussistenza dei popoli indigeni del Brasile: se le loro terre non saranno protette, rischiano il genocidio. E intere tribù incontattate potrebbero essere spazzate via.

Questo attacco ai primi popoli del paese è anche un attacco al cuore e all’anima stessa della nazione.

Continua a leggere

gennaio 7, 2019 Posted by | fuori o dentro le righe? | , | Commenti disabilitati su Bolsonaro ‘dichiara guerra’ ai popoli indigeni del Brasile – Survival risponde

India: l’autorità per la tigre denunciata dagli esperti governativi per violazione dei diritti indigeni

L’Autorità nazionale indiana per la conservazione della tigre (NTCA) è sotto crescente pressione a causa dell’ordinanza illegale da lei emessa, che vieta il riconoscimento dei diritti forestali dei popoli tribali nelle riserve delle tigri. L’ordinanza ha spinto Survival International a lanciare il boicottaggio mondiale del turismo il novembre scorso.

Alcune informazioni giunte a Survival hanno rivelato che la commissione nazionale per i popoli tribali (il cui nome ufficiale è Commissione Nazionale per le Tribù Riconosciute – NCST) ha contestato direttamente il provvedimento preso dalla NTCA durante colloqui privati tenuti a Delhi. La commissione ha richiesto che la NTCA sospenda qualsiasi piano di sfratto delle comunità tribali, che hanno vissuto e gestito le loro foreste per millenni.

Continua a leggere

gennaio 8, 2018 Posted by | fuori o dentro le righe? | | Lascia un commento

Survival lancia il boicottaggio mondiale delle riserve delle tigri in India

Survival International ha lanciato il boicottaggio mondiale del turismo nelle riserve delle tigri dell’India. L’iniziativa continuerà fino a quando i diritti dei popoli tribali che vivono al loro interno non saranno pienamente ripristinati e rispettati.

Le autorità indiane preposte alla conservazione hanno vietato il riconoscimento dei diritti tribali nelle riserve delle tigri, suscitando una vasta condanna.

Decine di migliaia di tribali dell’India sono stati sfrattati illegalmente dai loro villaggi situati all’interno delle riserve delle tigri e sono oggi costretti a vivere in povertà e miseria ai margini della società dominante.

Il Forest Rights Act indiano garantisce ai popoli indigeni il diritto a vivere e proteggere la propria terra ancestrale.

Questi sfratti sono appoggiati da grandi organizzazioni della conservazione, come la Wildlife Conservation Society (WCS). La WCS ha portato avanti la richiesta di “trasferimento” delle tribù delle riserve delle tigri per decenni.

Continua a leggere

novembre 28, 2017 Posted by | le lune_dì stefano torossi, il cavalier serpente | | Lascia un commento

12 ottobre: appello di tre famosi leader indigeni contro il genocidio delle tribù incontattate

Tre dei maggiori leader indigeni del Brasile hanno denunciato l’attacco concertato dai loro governi contro i diritti indigeni, definendolo “genocida”.

Davi Kopenawa Yanomami, sciamano e leader del popolo Yanomami dell’Amazzonia settentrionale, Raoni Metuktire, leader del popolo Kayapó, e Sonia Bone Guajajara, leader e attivista guajajara, hanno pubblicato una lettera aperta.

La lettera è stata pubblicata in occasione della Giornata Internazionale dei Popoli Indigeni, conosciuta anche come Columbus Day, che si celebra il 12 ottobre.

Nella lettera dichiarano: “Nel nostro paese, il Brasile, è in corso un genocidio…”

Continua a leggere

ottobre 11, 2017 Posted by | fuori o dentro le righe? | | Lascia un commento

Genocidio in Amazzonia: cercatori d’oro “massacrano” Indiani incontattati

I pubblici ministeri in Brasile hanno aperto un’inchiesta dopo le denunce del massacro di “più di dieci” membri di una tribù incontattata commesso da alcuni cercatori d’oro vicino a un remoto fiume amazzonico. Se i fatti saranno confermati, questo significa che fino a un quinto dell’intera tribù è stato annientato.

Due cercatori d’oro sono stati arrestati.

Gli omicidi sarebbero avvenuti il mese scorso lungo il Fiume Jandiatuba nel Brasile occidentale, ma la notizia è emersa soltanto dopo che i cercatori d’oro hanno iniziato a vantarsi degli assassinii, e a mostrare i loro “trofei” nella città più vicina.

Continua a leggere

settembre 12, 2017 Posted by | fuori o dentro le righe? | , | Lascia un commento

Scioccante: indigeni Gamela attaccati e mutilati dagli allevatori in Brasile

In Brasile, tredici Indiani amazzonici sono stati ricoverati in ospedale dopo un violento e brutale attacco da parte di uomini armati con machete.

Nelle scioccanti immagini ricevute da Survival International si vede un uomo con entrambe le braccia mutilate.

L’attacco è stato una rappresaglia contro la campagna dei Gamela per recuperare una piccola parte del loro territorio ancestrale. La loro terra è stata infatti invasa e distrutta dagli allevatori, dai taglialegna e dagli accaparratori di terra, e oggi i Gamela sono costretti a vivere ammassati in un minuscolo appezzamento di terra. I Gamela sono indigeni dell’area dello stato di Maranhão, nel Brasile settentrionale.

Da un po’ di tempo i potenti interessi dell’agribusiness – tra cui figurerebbe la famiglia di proprietari terrieri Sarney – sono entrati in conflitto con la tribù. Della famiglia fanno parte un ex-presidente del Brasile e un ex-governatore dello stato di Maranhão.

Continua a leggere

Mag 10, 2017 Posted by | fuori o dentro le righe? | , | Lascia un commento

Il WWF vince il ‘Greenwashing Award’ 2017 di Survival International

Il WWF ha vinto il “Greenwashing Award” di Survival International per avere stretto partnership con sette compagnie che stanno disboscando quasi 4 milioni di ettari di foresta appartenenti ai ‘Pigmei’ Baka e Bayaka, nell’Africa Centrale.

Tra queste, il controverso gruppo italo-camerunense SEFAC (direttamente collegato a Vasto Legno).

Il premio viene assegnato a compagnie o organizzazioni che spacciano la distruzione delle foreste dei popoli indigeni come iniziative di conservazione.

La Wildlife Conservation Society (WCS), che ha sede nello zoo del Bronx di New York, è stata nominata per il secondo posto, anch’essa a causa delle sue attività nel bacino del Congo. WCS ha stretto partnership con due compagnie di taglio del legno che non avevano ottenuto il consenso dei popoli indigeni a operare nelle loro terre.

Continua a leggere

Mag 3, 2017 Posted by | fuori o dentro le righe? | , , | Lascia un commento